Zithromax: FDA mette in guardia Contro l’Azitromicina Per Persone Con Problemi di Cuore

Un antibiotico comunemente prescritti per la bronchite e infezioni del seno può aumentare il rischio di morte per problemi cardiaci, ma solo per le persone con determinati fattori di rischio, un nuovo studio suggerisce.

Lo studio ha coinvolto più di un milione di casi di trattamento antibiotico per i giovani e di mezza età, gli adulti che vivono in Danimarca.

Utilizzare l’antibiotico azitromicina è stato collegato con quasi un triplice aumento del rischio di morte per problemi cardiaci, durante i cinque giorni di trattamento, rispetto a non prendere antibiotici. (Azitromicina viene venduto con il nome commerciale di Zithromax, e un corso di trattamento è comunemente definito come una “Z pack.”)

Tuttavia, lo studio ha trovato una simile aumentato rischio di morte per le persone trattate con antibiotico penicillina. Questo suggerisce che c’è qualcosa di persone che sono prescritti antibiotici, per esempio, possono avere rischi per la salute a causa della loro infezione batterica, piuttosto che farmaci stessi, che aumenta il rischio di morte per problemi di cuore, i ricercatori hanno detto.

In un editoriale che accompagna lo studio, i ricercatori della Food and Drug Administration ha detto che i medici dovrebbero considerare i rischi per il cuore di azitromicina altri antibiotici in caso di prescrizione di farmaci. Un altro antibiotico, chiamato eritromicina, è stato collegato ad un aumentato rischio di morte per i battiti cardiaci anormali.

I nuovi risultati sono in contrasto con quelli di uno studio del 2012 che ha collegato azithromycin con un più alto rischio di morte per problemi cardiaci che l’antibiotico amoxicillina. Che studio e altri chiesto la FDA per avvertire il pubblico nel Marzo del azithromycin che può causare anormalità, e talvolta fatali, i cambiamenti nel battito cardiaco in soggetti a rischio per problemi di cuore.

Perché il nuovo studio ha coinvolto persone della popolazione generale, mentre il 2012 studio ha coinvolto persone su Medicaid — una popolazione al di sopra della media, il rischio di morire in un determinato periodo-dicono i ricercatori-i due studi sono complementari e non conflittuali. Per la popolazione generale, i risultati sono confortanti, in quanto suggeriscono azithromycin “può essere prescritto, senza preoccupazione di un aumento del rischio di morte per causa cardiovascolare,” i ricercatori hanno detto.

“Un sacco di gente ha ottenuto nervoso quando la FDA è venuto fuori con loro avviso,” saidDr. Tara Narula, direttore associato del cardiac care unit al Lenox Hill Hospital di New York, che non era coinvolto nello studio. I nuovi risultati sono utili perché dicono i medici che gruppi di pazienti possono essere ad aumentato rischio di problemi di cuore con azitromicina, ha detto.

Nessuno conosce l’esatto meccanismo attraverso il quale azithromycincauses problemi di cuore, ma è pensato di modificare l’attività elettrica del cuore, Narulasaid.

le Persone con problemi noti nei loro cuori’ impianti elettrici (come aritmie), quelli con modifiche strutturali del cuore o danni cardiaci (ad esempio danni da un attacco di cuore), e quelli con malattia cardiaca sottostante deve essere cauti quando si utilizza il farmaco,Narulasaid.

Nel 2011, circa 40 milioni di persone negli Stati Uniti hanno ricevuto prescrizioni per azithromycin, la FDA ha detto.

“Questa possibilità dovrebbe dare clinici pausa quando si sta valutando la prescrizione di farmaci antibatterici, soprattutto per i pazienti con preesistenti fattori di rischio cardiovascolare, o condizioni cliniche in cui antibatterico terapia ha limitato i benefici”, la FDA ricercatori ha scritto.

lo studio e L’editoriale che sarà pubblicato domani (2 Maggio) in New England Journal di Medicina.

Passare a: Persone con sottostanti problemi di cuore dovrebbero essere cauti quando si utilizza l’antibiotico azitromicina.

Seguire Rachael Rettner@RachaelRettner. Seguire MyHealthNewsDaily@MyHealth_MHND,Facebook E Google+. amoxicillina acido clavulanico dosaggio Originariamente pubblicato su MyHealthNewsDaily.

Lascia un commento